Le cantine

Fontanafredda e Casa E. di Mirafiore: la storia vitivinicola delle Langhe.

Ripercorri i passi di Re Vittorio Emanuele II, la Bella Rosina e del loro figlio il Conte Emanuele Alberto all’interno delle ottocentesche cantine di Fontanafredda e Casa E. di Mirafiore, andando alla scoperta dell’affascinante mondo del vino.

Scopri le degustazioni
Busto di Vittorio Emanuele II
Fontanafredda

Fondata dal I Re d’Italia

Fontanafredda

Come tutte le cose belle, anche Fontanafredda nasce da una storia d’amore nel 1858, quella tra il primo Re d’Italia, Vittorio Emanuele II e Rosa Vercellana. Le Cantine Storiche sono tutte da scoprire: tra aneddoti della famiglia reale e curiose abitudini del Re, fino ad immergersi nella maestosità delle botti in cui affinano i grandi vini delle Langhe, scoprendo come Fontanafredda è diventata un’icona del Barolo in tutto il mondo.

Scopri di più
Casa E. di Mirafiore

La corona in testa e la terra in mano

Nel 1878 Emanuele Alberto Guerrieri conte di Mirafiore, figlio del primo Re d’Italia, fonda Casa E. di Mirafiore. Una cantina da sempre pioniera grazie alla lungimiranza di Emanuele Alberto, nobile figura con un approccio moderno al vino e attento alla comunità. D’origine aristocratica, oggi di forte identità contadina, Casa E. di Mirafiore esprime la vera tradizione enologica delle Langhe.

Casa E. di Mirafiore
La ghiacciaia reale
L’affinamento nella ghiacciaia
La ghiacciaia reale
L’affinamento nella ghiacciaia
Re Vittorio Emanuele II
Il Museo

Il Museo, La storia dal 1858.

Inaugurato per i 160 anni dalla nascita di Fontanafredda, il museo racconta la vita ultracentenaria della tenuta. Un percorso suddiviso in 4 ambienti diversi che mette il visitatore a contatto con tutto ciò che ha reso il Villaggio Narrante un’icona del luogo nel corso di oltre due secoli: dalle originali bottiglie di Barolo appartenute al primo Re d’Italia fino alle pubblicità più recenti del vino “come piace raccontarlo”. Ai piani inferiori, una sorpresa aiuta a rivivere la produzione del vino di un tempo, grazie ad una raccolta di oggetti enologici antichi.